29 dicembre, 2005

Musicoterapia e scienze cognitive e percettive

Categorie: [Eventi] [Riflessioni]

La musicoterapia ancora non ha uno statuto disciplinare autonomo. Per questo chi studia o lavora nell'ambito della musicoterapia deve arricchirsi e confrontarsi con le tante discipline limitrofe. Tra il 22 e il 26 di agosto 2006 avrà luogo a Bologna il nono convegno biennale della Società Internazionale di Scienze Cognitive e Percettive applicate alla musica. La International Conference on Music Perception and Cognition (ICMPC) è nata a Kyoto nel 1989 e ha trovato sede ogni due anni in luoghi diversi del mondo; la società europea è nata a Trieste nel 1991 e ha organizzato i suoi convegni ogni 3 anni. Così l'anno prossimo il convegno dell'ESCOM (European Sociey for the Cognitive Sciences of Music) si aggregherà all'ICMPC. L'elenco dei temi trattati è il seguente: Percezione tonale e percezione d'altezza, Ritmo e metro, Memoria e musica, Acustica e psicoacustica, Emozioni in musica, Musicoterapia, Musica e neuroscienze, Musica, significati e linguaggio, Musicologia "cognitiva", Timbro e orchestrazione, Modelli musicali informatici, Esecuzione e composizione, Studio della voce, Risposte estetiche all'ascolto, Lo sviluppo musicale infantile, Educazione musicale, Psicologia sociale della musica. La data ultima per l'invio degli abstract è il prossimo 31 dicembre. Comitato organizzativo: Mario Baroni, Anna Rita Addessi, Roberto Caterina, Marco Costa. Tutte le informazioni sono disponibili sul sito della Conferenza: www.icmpc2006.org

Categorie: [Eventi] [Riflessioni]
Tags: [] [] [] [] [] [] [] []

2 commenti:

mila iervese ha detto...

Mi complimento di cuore con te per il lavoro che svolgi per informare e rendere disponibili agli altri operatori del settore le tue conoscenze. Sono diplomanda in musicoterapia (ho finito il corso quadriennale e devo presentare la tesi) e molto spesso rimango colpita dal fatto che molti colleghi tengono come segreto il loro lavoro e non sono affatto disponibili a confrontarsi con gli altri, il che non fa che aumentare quell'aura di esoterismo che purtroppo circonda ancora, per alcuni, la musicoterapia. Grazie al tuo blog ho anche saputo del convegno di Bologna al quale spero di partecipare, finanze e tempo permettendolo, visto che studio psicologia e vorrei fare una tesi sulla percezione della musica (sono solo una matricola, ma guardo avanti...). Ne approfitto per farti i miei più "sentiti" auguri di buon anno! Mila Iervese

Paolo Alberto Caneva ha detto...

Grazie Mila, sei molto gentile. Anche a te un sacco di auguri per il 2006. Ti ricordo che se vuoi essere informata su eventi , libri ecc. puoi visitare anche il sito http://www.mtonline.it
ciao
paolo